La scalinata di fronte alla grande porta

Simeone aprì l’uscio di casa e si sistemò la sciarpa di bisso sopra il capo.
– Sara, andiamo?
– Perché? Stiamo uscendo?
– Sara, sono anni che ogni mattina ci rechiamo al tempio… ma… ma mi stai prendendo in giro?
Senza fretta, Sara seguì Simeone fuori di casa:
– Ho idea che sia tu stesso a prenderti in giro, Simeone, ogni santa mattina ci rechiamo al tempio, perché tu sai (e mi domando come tu faccia a “saperlo”) che lì incontrerai il messia; e ogni mattina torniamo a casa stanchi ed impolverati senza averlo visto…
Simeone fece finta di non sentire e si avviò. Leggi tutto “La scalinata di fronte alla grande porta”

Medico senza frontiere

– Direi che è tutto pronto… ciao papà, io vado!
– …
– Perché questo silenzio? Ce l’hai ancora con me?
– Lo sai che questa tua idea non mi è mai piaciuta.
– E quindi? Non dovrei partire? E tutti i tuoi bei discorsi sul valore della libertà?
– Va bene, va bene, adesso non rinfacciarmi le mie stesse parole.
E’ solo che questa tua idea non la digerisco.
E’ pericoloso, non lo capisci? Leggi tutto “Medico senza frontiere”

Ut unum sint – La preghiera sacerdotale di Gesù

«Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, poiché vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio» (Lc 22, 15-16).

 

Credo che ogni religione contenga un frammento di verità su Dio.

Il nostro bisogno di sicurezza e il nostro desiderio di supremazia sugli altri ci portano a pensare che la nostra religione sia l’unica religione; che il nostro Dio sia l’unico vero Dio; che gli unici a conoscere la Verità  siamo noi, mentre tutti gli altri siano miscredenti da convertire.

Eppure in più punti la Bibbia ci fa capire che nessun uomo può comprendere l’essenza di Dio, fare esperienza di Dio. Nessun uomo può dire “io lo conosco!”. Leggi tutto “Ut unum sint – La preghiera sacerdotale di Gesù”

Dio nessuno l’ha mai visto, così da poterlo descrivere

Dio nessuno l’ha mai visto: proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato. [Giovanni 1,18]

Ho finito di leggere da poco il romanzo “Caino” di José Saramago, avuto in regalo da un collega, che pensa che farei bene a convertirmi all’ateismo. Lettura senz’altro piacevole, sia per lo stile di Saramago di riportare i dialoghi, sia per l’originale interpretazione della punizione di Caino, che diviene esule non solo nello spazio, ma anche nel tempo.

Chi è interessato a saperne di più sul libro eviti di andare sulla relativa pagina di Wikipedia, dove viene spoilerato il finale.

Il libro mi ha fatto sorridere, oltre che per il piacere della lettura, anche per l’equivoco di fondo in cui cade Saramago nell’affrontare l’Antico Testamento come un testo che rivela l’essenza di Dio.

Non è così. Leggi tutto “Dio nessuno l’ha mai visto, così da poterlo descrivere”