Checklist per l’uso di GIT su NetBeans

Premessa

Questo post illustra come utilizzare GIT su NetBeans in otto passi, presupponendo:

  • di aver già creato i repository di sviluppo e produzione;
  • di essere in un contesto di sviluppatore singolo (quindi senza necessità di integrare nell’ambiente di produzione modifiche di altri sviluppatori).

Checklist

  1. Creare un nuovo Branch in sviluppo:
    sulla finestra Git Repository Browser cliccare con il destro sul repository di sviluppo e poi selezionare Branch/Tag > Create Branch…
    (spuntare l’opzione “Checkout Created Branch”).
  2. Effettuare e testare le modifiche al codice.
  3. Portare le modifiche nella staging area (facoltativo):
    sulla finestra Projects cliccare col destro sul file modificato e poi selezionare Git > Add.
  4. Confermare le modifiche (commit):
    sulla finestra Git Repository Browser aprire le voci Branches > Local del repository di sviluppo e controllare di essere posizionati sul branch corretto; quindi cliccare col destro sul repository di sviluppo e poi selezionare Commit…
    Per annullare una operazione di commit appena eseguita, cliccare con il destro sul repository di sviluppo; selezionare Revert/Recover e poi Reset;  specificare HEAD^ nel campo Revision e spuntare l’opzione “Do not Modify Index or Working Tree (–soft)” (per maggiori informazioni vedere l’articolo Come annullare una Commit in Git).
  5. Portare le modifiche in produzione (push):
    sulla finestra Git Repository Browser: aprire la voce Remotes del repository di sviluppo, cliccare col destro la voce origin  e selezionare push…
  6. Eseguire il merge sul repository di produzione:
    sulla finestra Git Repository Browser aprire le voci Branches > Local del repository di produzione,

    • se il branch master non è già quello corrente, cliccare col destro sul branch master e selezionare la voce Checkout Revision…
    • cliccare col destro il nuovo branch (quello appena ricevuto dall’ambiente di sviluppo) e selezionare la voce Merge Revision…
  7. Aggiungere un tag (facoltativo):
    sulla finestra Git Repository Browser del repository di produzione cliccare col destro il branch master e selezionare la voce Create Tag…
  8. Riportare le modifiche in ambiente di sviluppo:
    sulla finestra Git Repository Browser aprire le voci Branches > Local del repository di sviluppo, cliccare son il destro sul branch  master e selezionare la voce Sync with “origin/master”

Standard naming per i branch

Un possibile standard naming per i branch può essere il seguente: nnnn-xxxx (es. 0015-evo), dove:

  • nnnn è un numero progressivo di modifica, riempito con zeri a sinistra;
  • xxxx è l’abbreviazione dell’ambito della modifica da effettuare, ad esempio:
    • evo per una modifica dovuta a nuovi requisiti (evolutiva funzionale);
    • fix per la correzione di errori (correttiva);
    • seo per una evolutiva finalizzata all’ottimizzazione SEO del sito;
    • stab per una modifica di stabilizzazione del software (evolutiva tecnica).

Standard naming per i tag

Un possibile standard naming per i tag può essere il seguente: vxx.yy.zz  (es: v3.1.1) dove:

  • v è proprio la lettera “v”
  • xx è il numero di versione (incrementa se la commit rappresenta una significativa discontinuità con il passato);
  • yy è il numero di release (incrementa ad ogni commit nell’ambito della stessa versione, escluse le fix );
  • zz è il numero di change (incrementa solo per le commit di fix).

Risorse ulteriori

  • GIT è uno strumento di controllo di versione descritto egregiamente in questa pagina e nelle seguenti: Manuale di GIT in italiano.
  • NetBeans è l’ambiente di sviluppo integrato (IDE) distribuito da Oracle Corporation. NetBeans integra diversi versioning tools, compreso GIT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *